lunedì 28 dicembre 2009

Le virtù della Propoli

In questo articolo facciamo una panoramica della propoli, un'altra sostanza che il cartello farmaceutico non vuole farvi conoscere, benche ci siano centinaia di studi scientifici che vantano i suoi benefici.
La propoli è un prodotto delle api, creato r
ielaborando tramite le secrezioni ghiandolari ed enzimatiche, delle sostanze resinose e gommose da esse raccolte soprattutto dai pioppi, ippocastani e conifere. La propoli assicura la disinfestazione dell'alveare e quindi protegge la salute delle colonie delle api. E' una sostanza ceroide-balsamico-resinosa di colore estremamente variabile con tonalitá dal giallo bruno fin quasi al marrone scuro. E' tra i prodotti più sorprendenti dell'alveare e vanta un'utilizzo millenario tra i popoli.
Gli egìzi la usavano per la cura di numerose malattie a carattere infiammatorio e rappresentava inoltre uno dei principali ingredienti per l'imbalsamazione delle spoglie dei faraoni.
In epoca romana Plinto scrisse in modo esteso della Propoli sulla "Naturalis Historia", mentre Aristotele la definì un ottimo rimedio per le affezioni della pelle.

Non si può dare una precisa composizione chimica alla propoli in quanto varia a seconda dalla zona di raccolta.
Si può ipotizzare , però, una composizione indicativa che potrebbe andare bene per tutte le varietà di propoli, cioè che tiene conto di quei componenti principali che si sono ritrovati nelle analisi e studi fatti in diverse parti del mondo.

Composizione indicativa:

• 40 - 60% resine balsami (resine molli);

• 20 - 30% cera d'api cere vegetali olii fissi;

• 3 - 7% olii essenziali altre sostanze volatili;

• 3 - 7% pollini zuccheri;

• 5 - 15% sostanze organiche diverse (minerali, legno, acqua, varie).


Entrando in dettaglio tra le componenti di maggiore interesse possiamo citare:

* Minerali: Mg, Ca, I, K, Na, Cu, Zn, Mn e Fe.
* Vitamine: B1 (tiamina), B2 (riboflavina), B6 (piridossina), C (acido ascorbico), E (tocoferolo), P (flavonoidi).
* Enzimi: succinato deidrogenasi, glucosio 6-fosfatase, fosfatasi acida.
* Acidi: acido caffeico feniletilestere (CAPE) contenuto nelle resine e nei composti organici, fenolo, adenosintrifosfato (ATP)
- Derivati dell’acido benzoico: acido gentisico, acido salicilico, acido protocatechico, acido-3-ossibenzoico, acido-4-ossibenzoico, acido gallico, acido-4-metossibenzoico
- Derivati dell'acido cinnamico: acido caffeico, acido ferulico, acido isoferulico, acido idrocaffeico, acido p-cumarico, acido o-cumarico, acido m-cumarico
* Cumarine: cumarina, esculetina, scopoletina
* Alcoli: alcol benzilico, alcol cinnamilico, alcol feniletilico, alcol pentenilico, alcol 3,5-dimedossibenzilico
* Aldeidi: vanillina, isovanillina, aldeide cinnamica
* Flavonoidi [15] [16]
- flavoni: 5-idross-7,4'-dimetossiflavone, acacetina, apigenina-dimetiletere 7,4’, crisina, pectolinarigenina, tettocrisina
- flavonoli: 3,5-diidrossi-7,4'-dimetossiflavone, betuletolo, ermanina, galangina, isalpinina, isoramnetina, kaempferide, kaempferolo, quercetin-3,3'-dimetiletere, quercetina, ramnazina, ramnetina, ramnocitrina
- flavanoni: 5-idrossi-7,4'-dimetossiflavanone, isosakuranetina, pinocembrina, pinostrobina, sakuranetina
- diidroflavonoli: pinobaksina, pinobanksina-3-acetato
* Terpeni sono contenuti nelle resine e negli oli essenziali e conferiscono il caratteristico odore al propoli
- Idrocarburi: cariofillene, α-guaiene, β-selinene
- Alcoli sesquiterpenici: β-eudesmolo, guaiolo
* Amminoacidi
* Acidi grassi
* Chetoni
* Varie: steroli, polisaccaridi, lattoni

PROPRIETÀ TERAPEUTICHE: è un prodotto usato da millenni, dotato di numerose proprietà medicamentose, alcune delle quali riconosciute solo di recente.
Azione antibatterica: è uno dei migliori antibatterici naturali, la cui attività è di tipo sia batteriostatico, cioè capace di danneggiare i batteri ma non di ucciderli, sia battericida, cioè capace di distruggere i germi con cui viene a contatto. L'azione battericida si osserva a concentrazioni elevate del fitocomplesso, mentre a quelle più basse prevale quella batteriostatica. Tale azione sembra dovuta agli acidi organici e ai flavonoidi.
Tale azione antibatterica è dovuta soprattutto ai danni al nucleo della cellula batterica provocati dalla propoli, ma anche alla riduzione della produzione di acido folico, a danni ai mitocondri (i principali responsabili della produzione di energia nelle cellule) e alla membrana cellulare. E’ anche capace di inibire di circa il 50% la capacità dei batteri di aderire alle cellule ospiti e quindi di infettarle.
Uno studio clinico ha valutato l’azione antibatterica della propoli sui batteri presenti nel cavo orale. Sono stati arruolati 10 volontari, che assumevano 1 goccia per kg di peso al giorno di soluzione idroalcoolica di propoli per 2 settimane, con valutazione della popolazione di Streptococcus mutans presente in bocca. Si è visto che la propoli riduceva in modo significativo il numero dei germi suddetti nella saliva. Prelievi di saliva ottenuti dai partecipanti allo studio confermavano l’azione antibatterica della propoli, che danneggiava in modo evidente le cellule batteriche esaminate.
Azione antivirale: alcuni studi indicano che la propoli ha una valida azione su molti ceppi di virus, tra cui quelli dell'influenza e dell'herpes. Questa azione è spiegabile in buona parte con la capacità della propoli di impedire sia l’aggancio dei virus alle cellule bersaglio sia la loro capacità di penetrare all’interno di esse infettandole.
Uno studio ha valutato l’effetto della propoli contro il virus dell’herpes simplex. In laboratorio si mettevano cellule tipo Vero a contatto con virus dell’herpes simplex, e contemporaneamente si infettavano con questo stesso virus dei giovani ratti. Si è visto che l’estratto di propoli riduceva del 50% l’infezione delle cellule Vero, probabilmente per un’interferenza nel legame tra il virus stesso e la membrana cellulare. Questo effetto era evidente sia quando l’estratto di propoli era messo a contatto con le cellule prima del virus sia quando veniva aggiunto assieme al virus. Nel ratto l’aggiunta della propoli prima o anche in concomitanza col virus preveniva le infezioni da Herpes simplex in circa l’80% degli animali, senza provocare alcun effetto tossico. Quest'ultima azione è dovuta soprattutto ai flavonoidi, ma anche l'acido caffeico, i suoi esteri e l’olio essenziale sembrano essere attivi.
Azione antimicotica: la propoli è attiva su molti funghi che interessano lo strato superficiale della cute, mentre è poco efficace su quelli che si localizzano in profondità. Questa attività è presente sia prendendo la propoli per bocca sia applicandola, opportunamente diluita, sulla parte interessata.
Azione anestetica locale e anti-infiammatoria: è di buona entità, simile a quella di alcuni anestetici locali, e sembra dovuta a principi attivi contenuti nella parte balsamica. L’azione anti-infiammatoria della propoli è dovuta soprattutto alla sua capacità di inibire l’azione di alcuni enzimi che stimolano la produzione di alcune sostanze, come ad esempio i leucotrieni, dotate di intensa azione favorente l’infiammazione.
Azione immunostimolante: la propoli ha una valida azione immunostimolante ed è in grado di aumentare la resistenza dell'organismo contro virus e batteri, soprattutto stimolando l'attività dei globuli bianchi. Infatti è stato notato che la propoli provoca un aumento del numero di queste cellule e dei macrofagi e della loro capacità di attaccare e distruggere gli ospiti indesiderati. Sicuramente rilevanti a tal fine sono i flavonoidi e la vitamina C presenti in questa sostanza.
Uno studio clinico ha valutato l’effetto della propoli sui livelli di citochine, che sono sostanze importantissime per il sistema immunitario. Sono stati arruolati 10 volontari sani, di età compresa tra i 18 e i 45 anni, che assumevano per bocca 500 mg. di estratto secco di propoli al giorno per 2 settimane. Si misuravano i livelli plasmatici delle principali citochine prima e dopo la terapia. Al termine della sperimentazione si è visto che la propoli causava un significativo aumento di tutte le citochine misurate, che raggiungeva il massimo valore dopo circa 13 giorni. Tale aumento della produzione delle citochine conferma i positivi effetti della propoli sul sistema immunitario.
Azione protettiva contro i danni provocati dai radicali liberi, legata soprattutto ai flavonoidi, agli acidi organici e alle vitamine C ed E. La propoli è in grado di intrappolare la maggior parte dei radicali liberi e di inibire il fenomeno della perossidazione lipidica causato dai radicali liberi, che danneggia gravemente molti tessuti.
Azione di difesa delle piante coltivate: la propoli è impiegata dall'agricoltura biologica per difendere le piante dalle infezioni fungine e dall'attacco dei parassiti. Questa indicazione potrebbe sembrare, a prima vista, solo di interesse circoscritto agli agricoltori, ma in realtà riguarda tutti perchè la nostra salute sarebbe meglio salvaguardata se i prodotti ortofrutticoli fossero sani, invece di essere inquinati da pesticidi e da metalli pesanti.

* Indicazioni principali: malattie da raffreddamento delle prime vie aeree, soprattutto come curativo ma in parte anche come preventivo, infezioni della bocca, acne giovanile, piccole infezioni cutanee.
* Azione prevalente: anti-infettiva.
* Altre azioni: immunostimolante, anti-infiammatoria, antiossidante, anestetica locale.

EFFETTI COLLATERALI : Alcuni pazienti riferiscono occasionalmente secchezza alla mucosa della bocca e lievi disturbi di stomaco, talvolta associati a diarrea, che peraltro scompaiono prontamente con la sospensione del trattamento.
Può anche provocare reazioni allergiche cutanee in soggetti particolarmente predisposti, che regrediscono con la sospensione del trattamento.
Uno studio clinico ha valutato l’incidenza delle allergie alla propoli, somministrando a 605 pazienti scelti a caso soluzione idroalcoolica di propoli. Sono state notate reazioni allergiche cutanee in 25 pazienti, cioè il 4,2% del campione. 13 di questi pazienti avevano anche un’allergia cutanea al balsamo del Perù
CONTROINDICAZIONI: nessuna conosciuta.
INTERAZIONI FARMACOLOGICHE: nessuna conosciuta.
DATI TOSSICOLOGICI: La propoli è un prodotto praticamente atossico, sia somministrata in un'unica dose elevata sia data cronicamente a dosaggi elevati. Dosi di 15g per kg di peso nel cane e nel ratto non hanno dato luogo a reazioni collaterali apprezzabili, neppure se questa dose era somministrata per un periodo di 30 giorni consecutivi.


Link di approfondimento:

http://it.wikipedia.org/wiki/Propoli
http://www.arabafenix.it/88662.php
http://www.fitoterapia.in/piante_officinali/propoli.html
http://www.propolis.it/Scientifica.htm
http://www.integratoriebenessere.it/i-consigli-dell-esperto/un-aiuto-naturale-contro-i-disturbi-da-raffreddamento_3_21.htm


Studi e ricerche scientifiche comprovanti le proprietà antivirali, antifungine, antibatteriche del Propolis
da http://www.apiterapia.it/prodotti/ricerche-scientifiche/studi-propolis.htm


  1. Rediscovering the Antibiotics of the Hive.
    Boukraa L, Sulaiman SA. Recent Pat Antiinfect Drug Discov. 2009

  2. The potential use of propolis as a cariostatic agent and its actions on mutans group streptococci.
    Libério SA, Pereira AL, Araújo MJ, Dutra RP, Nascimento FR, Monteiro-Neto V, Ribeiro MN, Gonçalves AG, Guerra RN. J Ethnopharmacol. 2009 Aug

  3. Resveratrol and propolis extract: an insight into the morphological and molecular changes induced in DU145 cells.
    Scifo C, Cardile V, Russo A, Consoli R, Vancheri C, Capasso F, Vanella A, Renis M. - Department of Biological Chemistry, Medicinal Chemistry and Molecular Biology, University of Catania, Viale Andrea Doria, 6, 95125 Catania, Italy.

  4. Antibacterial activity of Propolis and its active principles alone and in combination with macrolides, beta-lactams and fluoroquinolones against microorganisms responsible for respiratory infections. Speciale, A., Costanzo, R., Puglisi, S., Musumeci, R., Catania, M.R., Caccamo, F., et al. (2006). JOURNAL OF CHEMOTHERAPY,

  5. Caffeic acid phenethyl ester, an active component of honeybee propolis attenuates osteoclastogenesis and bone resorption via the suppression of RANKL-induced NF-kappaB and NFAT activity.
    Ang ES, Pavlos NJ, Chai LY, Qi M, Cheng TS, Steer JH, Joyce DA, Zheng MH, Xu J.J Cell Physiol. 2009

  6. Caffeic acid phenethyl ester, a component of beehive propolis, is a novel selective estrogen receptor modulator.
    Jung BI, Kim MS, Kim HA, Kim D, Yang J, Her S, Song YS. Phytother Res. 2009 Aug 5.

  7. Growth inhibitory activity of ethanol extracts of Chinese and Brazilian propolis in four human colon carcinoma cell lines.
    Ishihara M, Naoi K, Hashita M, Itoh Y, Suzui M. Oncol Rep. 2009 Aug;

  8. Resveratrol and propolis as necrosis or apoptosis inducers in human prostate carcinoma cells.
    Scifo C, Cardile V, Russo A, Consoli R, Vancheri C, Capasso F, Vanella A, Renis M.
    Department of Biological Chemistry, Medicinal Chemistry and Molecular Biology, University of Catania, Viale Andrea Doria, 6, 95125 Catania, Italy.

  9. Evaluation of radioprotective effects of propolis and its flavonoid constituents: in vitro study on human white blood cells.
    Benkovic V, Knezevic AH, Orsolic N, Basic I, Ramic S, Viculin T, Knezevic F, Kopjar N. Phytother 2009

  10. Effect of propolis on virulence factors of Candida albicans.
    D'Auria FD, Tecca M, Scazzocchio F, Renzini V, Strippoli V. - J Chemother. 2003
    Institute of Microbiology, Faculty of Pharmacy, University of Rome La Sapienza.
    Propolis is a resinous substance collected by honeybees from plant sources. Its antimicrobial activity has been well documented but little is specifically known about its activity on virulence factors of Candida albicans. The aim of this work was therefore to evaluate in vitro the propolis effect on yeast-mycelial conversion (Y-M), extracellular phospholipase activity and fungal adhesion to epithelial cells. The two propolis samples used significantly inhibited the C. albicans strains tested, showing a rapid (between 30 seconds and 15 minutes), dose-dependent cytocidal activity and an inhibitory effect on Y-M conversion at a concentration of 0.22 mg/ml.

  11. The vasorelaxant effect of caffeic acid phenethyl ester on porcine coronary artery ring segments.
    Long Y, Han M, Chen J, Tian XZ, Chen Q, Wang R. Vascul Pharmacol. 2009

  12. Bioassay guided purification of the antimicrobial fraction of a Brazilian propolis from Bahia state.
    Castro ML, Vilela WR, Zauli RC, Ikegaki M, Redher VL, Foglio MA, Alencar SM, Rosalen PL.
    BMC Complement Altern Med. 2009

  13. Propolis Prevents the Effects of Chronic Alcohol Intake on Ocular Tissues.
    Emre S, Yılmaz Z, Oztürk F, Emre MH.
    Ophthalmic Res. 2009 Jul

  14. From functional food to medicinal product: Systematic approach in analysis of polyphenolics from propolis and wine.
    Medic-Saric M, Rastija V, Bojic M, Males Z. Nutr J. 2009 J

  15. Antibacterial, antifungal and antiviral activity of propolis of different geographic origin
    Journal of Ethnopharmacology, Volume 64, Issue 3, March 1999, Pages 235-240
    A. Kujumgiev, I. Tsvetkova, Yu. Serkedjieva, V. Bankova, R. Christov, S. Popov

  16. Antioxidant activity of propolis of various geographic origins
    Food Chemistry, Volume 84, Issue 3, February 2004, Pages 329-339
    Shigenori Kumazawa, Tomoko Hamasaka, Tsutomu Nakayama

  17. Efecto de extractos de propóleos mexicanos de Apis mellifera sobre el crecimiento in vitro de Candida albicans
    Revista Iberoamericana de Micología, Volume 25, Issue 1, March 2008, Pages 22-26
    María Leonor Quintero-Mora, Amparo Londoño-Orozco, Francisca Hernández-Hernández, Patricia Manzano-Gayosso, Rubén López-Martínez, Carlos Ignacio Soto-Zárate, Liborio Carrillo-Miranda, Guillermo Penieres-Carrillo, Carlos Gerardo García-Tovar, Tonatiuh A. Cruz-Sánchez

  18. Lotfy M. Biological activity of bee propolis in health and disease.
    Asian Pac J Cancer Prev 2006

  19. Combined use of honey, bee propolis and myrrh in healing a deep, infected wound in a patient with diabetes mellitus
    M. LOTFY, G. BADRA, W. BURHAM and F. Q. ALENZI

  20. Anti-Staphylococcus aureus activity of bee propolis extracts prepared with different ethanol concentrations. Fernandes Júnior A, Balestrin ECC, Cunha MLRS.Rev Ciênc Farm 2003; 24:
    147–52.

  21. The antibacterial activity of propolis produced by Apis mellifera
    L. and Brazilian stingless bees.Fernandes Júnior A, Leomil L, Fernandes AAH, Sforcin JM. J Venom Anim Toxins 2001;

  22. In vitro activity of propolis against Streptococcus pyogenes. Bosio K, Avanzini C, D’avolio A, Ozimo O, Savoia D. Lett Appl Microbiol 2000; 31: 174–7.

  23. In vitro antimicrobial activity of propolis dry extract.
    Drago I, Mombelli B, De Vecchi E, Fassina MC, Tocalli L, Gismondo MR. J Chemotherapy 2002;

  24. In vitro antimicrobial activity of propolis and synergism between propolis and antimicrobial drugs.
    Stepanovic S, Antic N, Dakic I, Svabic-Vlahovic M.Microbiol Res 2003;

  25. Effects of compounds found in propolis on Streptococcus mutans growth and on glucosiltransferase activity.
    Koo H, Rosalen PL, Cury JA, Park YK, Bowen WH. Antimicrob Agents Chemother 2002

  26. Antibacterial activity of Brazilian propolis and fractions against oral anaerobic bacteria.
    Santos FA, Bastos EMA, Uzeda B, Carvalho MAR, Farias ESA, Braga FC. J Ethnopharmacol 2002;

  27. Recent progress in pharmacological research of propolis.
    Banskota AH, Tezuka Y, Kadota S. Phytother Res 2001; 15:

  28. Propolis, The Natural Antibiotic. Hill R. Thorsons, Wellingborough, England, 1977.

  29. Use of propolis in the treatment of local suppurative infection - Tsarev NI, Petrik EV, Aleksandrova VI. . Vestn Khir, 134 (5): 119-122, 1985.

  30. Recent Advances in the chemotherapy of herpes virus infections. Esanu V. Virologie, 32 (1): 57-77, 1981.

  31. Treatment of oral leukoplakia with propolis: Report of 45 cases. Pang JF and Chen SS. Chung Hsi I Chieh Ho Tsa Chih, 5 (8): 452-453 and 485-486, 1985.

  32. Doctoral Dissertation on propolis - Kravcuk P. . Kiev Univ., USSR, 1971.

  33. Anti-influenza virus effect of some propolis constituents and their analogues (esters of substituted cinnamic acids). Serkedjieva J, Manolova N, and Bankova V. J. Natl. Prod., 55 (3): 294-302, 1992.

  34. Comparison of the anti-herpes simplex virus activities of propolis and 3-methyl -but-2-enyl caffeate. Amoros M, Lurton E, Boustie J, Girre L, Sauvager F, and Cormier M. J. Natl. Prod., 57 (5): 644-647, 1994.

  35. The mechanisms of the antiherpetic action of aqueous propolis extracts. I. The antioxidant action on human fibroblast cultures. Dumitrescu M, E sanu, and Cri san I. Rev. Roum. Virol., 43: 3-4 and 165-173, 1992.

  36. Takaisi-Kikuni NB and Schilcher H. Electron microscopic and microcalorimetric investigations of the possible mechanism of the antibacterial action of a defined propolis provenance. Planta Med., 60 (3): 222-227, 1994.

  37. Synergistic effect of ethanolic extract of propolis and antibiotics on the growth of staphylococcus aureus - Krol W, Schelleer S, Shani J, Pietsz G, and Czuba Z. . Arzneimittelforschung, 43 (5): 607-609, 1993.

  38. Immunomodulatory action of propolis: IV. Prophylactic activity against gram-negative infections and adjuvant effect of the water-soluble derivative. Dim V, Ivanovska N, Bankova V, and Popov S. Vaccine, 10 (12): 817-823, 1992.

  39. Caffeic acid phenethyl ester as a lipoxygenase inhibitor with antioxidant properties. Sudina GF, Mirzoeva OK, Pushkareva MA, Korshunova GA, Sumbatyan NV, and Varfolomeev SD. FEBS Lett., 329: 1-2, 21-24, 1993.

  40. Biochemical activities of propolis -extracts. III. Inhibition of dihydrofolate reductase - Strehl E, Volpert R, and Elstner EF. . Z Naturfosch [C], 49: 1-2, 39 -43, 1994.

  41. Effect of caffeic acid esters on carcinogen-induced mutagenicity and human colon adenocarcinoma cell growth. Rao CV, Desai D, Kaul B, Amin S, and Reddy BS. Chem. Biol. Interact., 84 (3): 277-90, 1992.

  42. Chemioprevention of colon carcinogenesis by phenylethyl-3-methylcaffeate. Rao CV, Desai D, Rivenson A, Simi B, Amin S, and Reddy BS. Cancer Res., 55 (11): 2310-2315, 1995.

  43. Growth inhibition and modulation of antigenic phenotype in human melanoma and glioblastoma multiform cells by caffecic acid phenethyl ester (CAPE) - Guarini L, Su ZZ, Zucker S, Lin J, Grunberger D, and Fisher PB. . 1992.

  44. Apoptosis and altered redox state induced by caffeic acid phenethyl ester (CAPE) in transformed rat fibroblast cells. Chiao C, Carothers AM, Grunberger D, Solomon G, Preston GA, and Barrett JC. Cancer Res., 55 (16): 3576-3583, 1995.

  45. Propolis protects against doxorubicin-induced myocardiopathy in rats Chopra S, Pillai KK, Husain SZ, and Giri DK. . Exp. Mol. Pathol., 62 (3): 190-198, 1995.

  46. Synergism between ethanolic extract of propolis (EEP) and anti-tuberculosis drugs on growth of mycobacteria.
    Scheller S, Dworniczak S, Waldemar KK, Rajca M, Tomczik A, Shani J. Z Naturforsch C 1999;

  47. Propolis: anti-Staphylococcus aureus activity and synergism with antimicrobial drugs. Fernandes Júnior A, Balestrin EC, Betoni JEC, Orsi RO, Cunha MLRS, Montelli AC.Mem Inst Oswaldo Cruz,
    Rio de Janeiro 2005;

  48. Antibacterial activity of Brazilian propolis and fractions against oral anaerobic bacteria - Journal of Ethnopharmacology, Volume 80, Issue 1, April 2002 F. A. Santos, E. M. A. Bastos, M. Uzeda, M. A. R. Carvalho, L. M. Farias, E. S. A. Moreira, F. C. Braga

  49. Chemical composition and antibacterial activity of propolis collected by three different races of honeybees in the same region
    Sibel Silici, Semiramis Kutluca - Journal of Ethnopharmacology, Volume 99, Issue 1, 13 May 2005,

  50. Antibacterial activities of Turkish pollen and propolis extracts against plant bacterial pathogens
    Esin Basim, Hüseyin Basim, Musa Özcan - Journal of Food Engineering, Volume 77, Issue 4, December 2006,

  51. Propolis effect on Th1/Th2 cytokines production by acutely stressed mice.
    Pagliarone AC, Missima F, Orsatti CL, Bachiega TF, Sforcin JM. J Ethnopharmacol. 2009

  52. Treatment of dermatophytosis in young cattle with propolis and Whitfield's ointment.
    Cam Y, Koç AN, Silici S, Günes V, Buldu H, Onmaz AC, Kasap FF. Vet Rec. 2009

  53. RESIN COLLECTION AND SOCIAL IMMUNITY IN HONEY BEES.
    Simone M, Evans JD, Spivak M. Evolution. 2009

  54. Chemical Constituents of Propolis from Myanmar and Their Preferential Cytotoxicity against a Human Pancreatic Cancer Cell Line.
    Li F, Awale S, Zhang H, Tezuka Y, Esumi H, Kadota S.J Nat Prod. 2009

  55. Antihypertensive effects of flavonoids isolated from brazilian green propolis in spontaneously hypertensive rats.
    Maruyama H, Sumitou Y, Sakamoto T, Araki Y, Hara H. Biol Pharm Bull. 2009

  56. Caffeic acid phenethyl ester protects against tamoxifen-induced hepatotoxicity in rats.
    Albukhari AA, Gashlan HM, El-Beshbishy HA, Nagy AA, Abdel-Naim AB.
    Food Chem Toxicol. 2009 Jul;47(7):1689-95. Epub 2009

  57. Attitudes and knowledge toward natural products safety in the pharmacy setting: an Italian study.
    Cuzzolin L, Benoni G. Phytother Res. 2009

  58. Radioprotective effects of quercetin and ethanolic extract of propolis in gamma-irradiated mice.
    Benković V, Knezević AH, Dikić D, Lisicić D, Orsolić N, Basić I, Kopjar N. Arh Hig Rada Toksikol. 2009

  59. Forgery and withdrawal. Preparation of propolis nanofood and application to human cancer.
    Kim HJ. Biol Pharm Bull. 2009

  60. Propolis protection from reproductive toxicity caused by aluminium chloride in male rats.
    Yousef MI, Salama AF. Food Chem Toxicol. 2009 J

  61. Black RJ. Vulval eczema associated with propolis sensitization from topical therapies treated successfully with pimecrolimus cream. Clin Exp Dermatol 2005;30(1):91-92.

  62. Borrelli F, Maffia P, Pinto L, et al. Phytochemical compounds involved in the anti-inflammatory effect of propolis extract. Fitoterapia 2002;73 Suppl 1:S53-S63.

  63. Inhibition of Helicobacter pylori growth in vitro by Bulgarian propolis: preliminary report. Boyanova L, Derejian S, Koumanova R, et al. J Med Microbiol 2003;52(Pt 5):417-419.

  64. Effect of propolis on human cartilage and chondrocytesCardile V, Panico A, Gentile B, et al. . Life Sci 2003;Jul 11, 73(8):1027-1035.

  65. Complementary and alternative medicine for upper-respiratory-tract infection in childrenCarr RR, Nahata MC. . Am J Health Syst Pharm 2006 Jan 1;63(1):33-9.

  66. Brazilian green propolis on Helicobacter pylori infection. a pilot clinical study. Coelho LG, Bastos EM, Resende CC, et al. Helicobacter 2007 Oct;12(5):572-4.

  67. Effectiveness of an herbal preparation containing echinacea, propolis, and vitamin C in preventing respiratory tract infections in children: a randomized, double-blind, placebo-controlled, multicenter study. Cohen HA, Varsano I, Kahan E, et al. Arch Pediatr Adolesc Med 2004;158(3):217-221.

  68. Antibacterial agents in the control of supragingival plaque--a review Eley BM. . Br Dent J 1999;186(6):286-296.

  69. Propolis extract as an adjuvant to periodontal treatment. Gebaraa EC, Pustiglioni AN, de Lima LA, et al. Oral Health Prev Dent 2003;1(1):29-35.

  70. Comparison of propolis skin cream to silver sulfadiazine: a naturopathic alternative to antibiotics in treatment of minor burns. Gregory SR, Piccolo N, Piccolo MT, et al. J Altern Complement Med 2002;Feb, 8(1):77-83.

  71. Antihyperglycemic effects of propolis mixed with mulberry leaf extract on patients with type 2 diabetes. Murata K, Yatsunami K, Fukuda E, et al. Altern Ther Health Med 2004;10(3):78-79.

  72. The effect of bee propolis on recurrent aphthous stomatitis: a pilot study. Samet N, Laurent C, Susarla SM, et al. Clin Oral Investig 2007 Jun;11(2):143-7.

  73. Oral candidiasis treatment with Brazilian ethanol propolis extract. Santos VR, Pimenta FJ, Aguiar MC, et al. Phytother Res 2005 Jul;19(7):652-4.

  74. Propolis alleviates aluminium-induced lipid peroxidation and biochemical parameters in male rats.
    Newairy AS, Salama AF, Hussien HM, Yousef MI.
    Food Chem Toxicol. 2009

  75. The beneficial effect of propolis on fat accumulation and lipid metabolism in rats fed a high-fat diet.
    Ichi I, Hori H, Takashima Y, Adachi N, Kataoka R, Okihara K, Hashimoto K, Kojo S. J Food Sci. 2009

  76. Immune defense of rats immunized with fennel honey, propolis, and bee venom against induced staphylococcal infection.
    Sayed SM, Abou El-Ella GA, Wahba NM, El Nisr NA, Raddad K, Abd El Rahman MF, Abd El Hafeez MM, Abd El Fattah Aamer A. J Med Food. 2009

  77. The beneficial effect of propolis on cerulein-induced experimental acute pancreatitis in rats.
    Büyükberber M, Savaş MC, Bağci C, Koruk M, Gülşen MT, Tutar E, Bilgiç T, Deveci R, Küçük C. Turk J Gastroenterol. 2009

  78. Antiviral Activity and Mode of Action of Propolis Extracts and Selected Compounds.
    Schnitzler P, Neuner A, Nolkemper S, Zundel C, Nowack H, Sensch KH, Reichling J.
    Phytother Res. 2009

  79. Effects of various propolis concentrations on biochemical and hematological parameters of rainbow trout (Oncorhynchus mykiss).
    Talas ZS, Gulhan MF. Ecotoxicol Environ Saf. 2009

  80. Correlation between antiangiogenic activity and antioxidant activity of various components from propolis.
    Ahn MR, Kunimasa K, Kumazawa S, Nakayama T, Kaji K, Uto Y, Hori H, Nagasawa H, Ohta T. Mol Nutr Food Res. 2009

  81. Main flavonoids, DPPH activity, and metal content allow determination of the geographical origin of propolis from the Province of San Juan (Argentina).
    Lima B, Tapia A, Luna L, Fabani MP, Schmeda-Hirschmann G, Podio NS, Wunderlin DA, Feresin GE. J Agric Food Chem. 2009

  82. Brazilian Propolis Suppresses Angiogenesis by Inducing Apoptosis in Tube-forming Endothelial Cells through Inactivation of Survival Signal ERK1/2.
    Kunimasa K, Ahn MR, Kobayashi T, Eguchi R, Kumazawa S, Fujimori Y, Nakano T, Nakayama T, Kaji K, Ohta T. Evid Based Complement Alternat Med. 2009

  83. Chemical compositions and antimicrobial activities of four different Anatolian propolis samples
    Ataç Uzel, Kadri˙ye Sorkun, Özant Önçağ, Dilşah Çoğulu, Ömür Gençay, Beki˙r Sali˙h
    Microbiological Research, Volume 160, Issue 2, 25 April 2005

  84. Chemical composition, antioxidant activity and antimicrobial properties of propolis extracts from Greece and Cyprus
    Food Chemistry, Volume 116, Issue 2, 15 September 2009, Pages 452-461
    Nick Kalogeropoulos, Spyros J. Konteles, Elena Troullidou, Ioannis Mourtzinos, Vaios T. Karathanos

  85. The effect of bee propolis on oral pathogens and human gingival fibroblasts
    Journal of Ethnopharmacology, Volume 102, Issue 3, 1 December 2005, Pages 371-376 -
    Sule Sonmez, Levent Kirilmaz, Mine Yucesoy, Banu Yücel, Berna Yilmaz

  86. Antioxidant and antimicrobial activities of propolis from several regions of Korea
    Y.M. Choi, D.O. Noh, S.Y. Cho, H.J. Suh, K.M. Kim, J.M. Kim LWT - Food Science and Technology, Volume 39, Issue 7, September 2006,

  87. Antioxidant activity and constituents of propolis collected in various areas of China - Mok-Ryeon Ahn, Shigenori Kumazawa, Yumiko Usui, Jun Nakamura, Mitsuo Matsuka, Fang Zhu, Tsutomu Nakayama - Food Chemistry, Volume 101, Issue 4, 2007, Pages 1383-1392

  88. Antibacterial activity of Turkish propolis and its qualitative and quantitative chemical composition
    M. Popova, S. Silici, O. Kaftanoglu, V. Bankova - Phytomedicine, Volume 12, Issue 3, 22 March 2005,

  89. Bioactivity of propolis from Santiago del Estero, Argentina, related to their chemical composition
    LWT - Food Science and Technology, Volume 42, Issue 8, October 2009, Pages 1422-1427 - Lucrecia L. Chaillou, Mónica A. Nazareno

  90. Chemical diversity of propolis and the problem of standardization
    Journal of Ethnopharmacology, Volume 100, Issues 1-2, 22 August 2005, Pages 114-117 Vassya Bankova

  91. Chilean propolis: antioxidant activity and antiproliferative action in human tumor cell lines
    A. Russo, V. Cardile, F. Sanchez, N. Troncoso, A. Vanella, J.A. Garbarino - Life Sciences, Volume 76, Issue 5, 17 December 2004

  92. Chemical composition, oral toxicity and antimicrobial activity of Iranian propolis
    Shiva Mohammadzadeh, Mohammad Shariatpanahi, Manoochehr Hamedi, Reza Ahmadkhaniha, Nasrin Samadi, Seyed Nasser Ostad Food Chemistry, Volume 103, Issue 4, 2007

  93. Suppression of tumor-induced angiogenesis by Brazilian propolis: Major component artepillin C inhibits in vitro tube formation and endothelial cell proliferation
    Mok-Ryeon Ahn, Kazuhiro Kunimasa, Toshiro Ohta, Shigenori Kumazawa, Miya Kamihira, Kazuhiko Kaji, Yoshihiro Uto, Hitoshi Hori, Hideko Nagasawa, Tsutomu Nakayama - Cancer Letters, Volume 252, Issue 2, 18 July 2007

  94. Antioxidant activity of Argentine propolis extracts
    M. I. Isla, M. I. Nieva Moreno, A. R. Sampietro, M. A. Vattuone Journal of Ethnopharmacology, Volume 76, Issue 2, July 2001,

  95. Multifactorial aspects of antimicrobial activity of propolis
    F. Scazzocchio, F.D. D’Auria, D. Alessandrini, F. Pantanella
    Microbiological Research, Volume 161, Issue 4, 17 November 2006

  96. Propolis and the immune system: a review
    J.M. Sforcin - Journal of Ethnopharmacology, Volume 113, Issue 1, 15 August 2007

  97. Efficacy of natural propolis extract in the control of American Foulbrood - Karina Antúnez, Jorge Harriet, Liesel Gende, Matías Maggi, Martin Eguaras, Pablo Zunino Veterinary Microbiology, Volume 131, Issues 3-4, 15 October 2008,

  98. Mechanism of herpes simplex virus type 2 suppression by propolis extracts - Silke Nolkemper, Jürgen Reichling, Karl Heinz Sensch, Paul Schnitzler Phytomedicine, In Press, Corrected Proof, Available online 13 August 2009

  99. Effect of propolis, some isolated compounds and its source plant on antibody production
    J.M. Sforcin, R.O. Orsi, V. Bankova Journal of Ethnopharmacology, Volume 98, Issue 3, 26 April 2005,

  100. Chemical composition and biological activity of a new type of Brazilian propolis: Red propolis
    Journal of Ethnopharmacology, Volume 113, Issue 2, 5 September 2007, Pages 278-283
    S.M. Alencar, T.L.C. Oldoni, M.L. Castro, I.S.R. Cabral, C.M. Costa-Neto, J.A. Cury, P.L. Rosalen, M. Ikegaki

  101. Antioxidant properties, total phenols and pollen analysis of propolis samples from Portugal
    Food and Chemical Toxicology, Volume 46, Issue 11, November 2008, Pages 3482-3485 Leandro Moreira, Luís G. Dias, José Alberto Pereira, Leticia Estevinho

  102. Antibacterial activity of propolis against Staphylococcus aureus
    International Journal of Food Microbiology, Volume 102, Issue 2, 15 July 2005, Pages 213-220
    Li-Chang Lu, Yue-Wen Chen, Cheng-Chun Chou

  103. Cytotoxic, hepatoprotective and free radical scavenging effects of propolis from Brazil, Peru, the Netherlands and China
    Arjun H. Banskota, Yasuhiro Tezuka, I Ketut Adnyana, Kiyoshi Midorikawa, Katsumichi Matsushige, Dejair Message, Alfredo A. G. Huertas, Shigetoshi Kadota - Journal of Ethnopharmacology, Volume 72, Issues 1-2, 1 September 2000


  104. The anticarcinogenic effect of propolis in human lymphocytes culture
    Phytomedicine, Volume 12, Issue 10, 15 November 2005
    Y. Ozkul, S. Silici, E. Eroğlu

  105. In vitro study of the antimicrobial activity of Brazilian propolis against Paenibacillus larvae
    Journal of Invertebrate Pathology, Volume 97, Issue 3, March 2008, Pages 273-281
    Esther Margarida A.F. Bastos, Michael Simone, Daniela Macedo Jorge, Ademilson Espencer Egea Soares, Marla Spivak

  106. Water-soluble derivative of propolis mitigates scopolamine-induced learning and memory impairment in mice
    Pharmacology Biochemistry and Behavior, Volume 90, Issue 3, September 2008, Pages 441-446
    Juan Chen, Yuan Long, Min Han, Ting Wang, Qiang Chen, Rui Wang

  107. Development of topical functionalized formulations added with propolis extract: Stability, cutaneous absorption and in vivo studies
    International Journal of Pharmaceutics, Volume 342, Issues 1-2, 5 September 2007 F. Marquele-Oliveira, Y.M. Fonseca, O. de Freitas, M.J.V. Fonseca

  108. Geographical traceability of propolis by high-performance liquid-chromatography fingerprints
    Food Chemistry, Volume 108, Issue 2, 15 May 2008
    Jinhui Zhou, Yi Li, Jing Zhao, Xiaofeng Xue, Liming Wu, Fang Chen

  109. Propolis solution for the treatment of chronic vaginitis
    International Journal of Gynecology & Obstetrics, Volume 89, Issue 2, May 2005 M. Imhof, M. Lipovac, Ch. Kurz, J. Barta, H.C. Verhoeven, J.C. Huber

  110. Multiple treatment of propolis extract ameliorates carbon tetrachloride induced liver injury in rats
    Food and Chemical Toxicology, Volume 46, Issue 8, August 2008
    Monika Bhadauria, Satendra Kumar Nirala, Sangeeta Shukla

  111. The potential use of propolis as a cariostatic agent and its actions on mutans group streptococci
    Journal of Ethnopharmacology, Volume 125, Issue 1, 17 August 2009, Pages 1-9
    Silvana A. Libério, Antônio Luís A. Pereira, Maria José A.M. Araújo, Richard P. Dutra, Flávia R.F. Nascimento, Valério Monteiro-Neto, Maria Nilce S. Ribeiro, Azizedite G. Gonçalves, Rosane N.M. Guerra

  112. Effect of Brazilian propolis on scratching behavior induced by compound 48/80 and histamine in mice
    International Immunopharmacology, Volume 4, Issues 10-11, October 2004
    Yoshifumi Shinmei, Maria Alejandra Hossen, Kiyoshi Okihara, Hiroyuki Sugimoto, Hideo Yamada, Chiaki Kamei

  113. Effects of ethanol and water extracts of propolis (bee glue) on acute inflammatory animal models
    Journal of Ethnopharmacology, Volume 100, Issue 3, 14 September 2005 Fuliang Hu, H.R. Hepburn, Yinghua Li, M. Chen, S.E. Radloff, S. Daya

  114. Effect of propolis on human cartilage and chondrocytes
    Life Sciences, Volume 73, Issue 8, 11 July 2003, Pages 1027-1035
    Venera Cardile, Annamaria Panico, Barbara Gentile, Francesca Borrelli, Alessandra Russo

  115. Gelatin microparticles containing propolis obtained by spray-drying technique: preparation and characterization
    International Journal of Pharmaceutics, Volume 264, Issues 1-2, 2 October 2003, Pages 45-55
    M. L. Bruschi, M. L. C. Cardoso, M. B. Lucchesi, M. P. D. Gremião

  116. Antagonism of Aeromonas hydrophila by propolis and its effect on the performance of Nile tilapia, Oreochromis niloticus
    Fish & Shellfish Immunology, In Press, Corrected Proof, Available online 27 June 2009
    Azza M.M. Abd-El-Rhman

  117. Effect of Propolis on Survival of Periodontal Ligament Cells: New Storage Media for Avulsed Teeth
    Journal of Endodontics, Volume 33, Issue 5, May 2007
    Fatih Özan, Zübeyde Akin Polat, Kürsat Er, Ülkü Özan, Orhan Değer

  118. Effect of Propolis on Human Fibroblasts from the Pulp and Periodontal Ligament
    Journal of Endodontics, Volume 30, Issue 5, May 2004
    Abdul Al-Shaher, James Wallace, Sudha Agarwal, Walter Bretz, Dean Baugh

  119. Review of the biological properties and toxicity of bee propolis (propolis)
    Food and Chemical Toxicology, Volume 36, Issue 4, 6 April 1998
    G. A. Burdock

  120. Hot-pressurized fluid extraction of flavonoids and phenolic acids from Brazilian propolis and their cytotoxic assay in vitro
    Journal of the Chinese Institute of Chemical Engineers, Volume 38, Issues 3-4, May-July 2007, Pages 191-196
    Chao-Rui Chen, Ying-Nong Lee, Chieh-Ming J. Chang, Miau-Rong Lee, I-Chien Wei

  121. Propolis protects human spermatozoa from DNA damage caused by benzo[a]pyrene and exogenous reactive oxygen species
    Life Sciences, Volume 78, Issue 13, 23 February 2006, Pages 1401-1406 A. Russo, N. Troncoso, F. Sanchez, J.A. Garbarino, A. Vanella

  122. Supercritical fluids extraction of cinnamic acid derivatives from Brazilian propolis and the effect on growth inhibition of colon cancer cells
    Journal of the Taiwan Institute of Chemical Engineers, Volume 40, Issue 2, March 2009, Pages 130-135
    Chao-Rui Chen, Ying-Nong Lee, Miau-Rong Lee, Chieh-Ming J. Chang

  123. Analysis of propolis from Baccharis dracunculifolia DC. (Compositae) and its effects on mouse fibroblasts
    Journal of Ethnopharmacology, Volume 111, Issue 2, 4 May 2007, Pages 206-212
    Cristiano Soleo de Funari, Vicente de Oliveira Ferro, Monica Beatriz Mathor

  124. Variation in antibacterial and anti-inflammatory activity of different growth forms of Malva parviflora and evidence for synergism of the anti-inflammatory compounds
    Journal of Ethnopharmacology, Volume 96, Issues 1-2, 4 January 2005, Pages 325-330 T.L. Shale, W.A. Stirk, J. van Staden

  125. Antioxidant power of Iranian propolis extract
    Food Chemistry, Volume 103, Issue 3, 2007, Pages 729-733
    Shiva Mohammadzadeh, Mohammad Sharriatpanahi, Manoochehr Hamedi, Yaghoub Amanzadeh, Seyed Esmaeil Sadat Ebrahimi, Seyed Nasser Ostad

  126. Immunomodulation produced by a green propolis extract on humoral and cellular responses of mice immunized with SuHV-1
    Geferson Fischer, Fabricio Rochedo Conceição, Fábio Pereira Leivas Leite, Luana Alves Dummer, Gilberto D’Avila Vargas, Sílvia de Oliveira Hübner, Odir Antônio Dellagostin, Niraldo Paulino, Amarílis Scremin Paulino, Telmo Vidor - Vaccine, Volume 25, Issue 7, 26 January 2007,


  127. Adjuvant effect of green propolis on humoral immune response of bovines immunized with bovine herpesvirus type 5
    Veterinary Immunology and Immunopathology, Volume 116, Issues 1-2, 15 March 2007, Pages 79-84
    Geferson Fischer, Marlete Brum Cleff, Luana Alves Dummer, Niraldo Paulino, Amarílis Scremin Paulino, Camila de Oliveira Vilela, Fabrício Souza Campos, Tiago Storch, Gilberto D’Avila Vargas, Silvia de Oliveira Hübner, Telmo Vidor

  128. Precipitation of sub-micron particles of 3,5-diprenyl-4-hydroxycinnamic acid in Brazilian propolis from supercritical carbon dioxide anti-solvent solutions
    The Journal of Supercritical Fluids, Volume 50, Issue 2, September 2009 Chao-Rui Chen, Chun-Ting Shen, Jia-Jiuan Wu, Hsing-Ling Yang, Shih-Lan Hsu, Chieh-Ming J. Chang

  129. Microbiological and calorimetric investigations on the antimicrobial actions of different propolis extracts: an in vitro approach
    Thermochimica Acta, Volume 422, Issues 1-2, 15 November 2004
    Assegid Garedew, Erik Schmolz, Ingolf Lamprecht

  130. Antiviral activities of flavonoids and organic acid from Trollius chinensis Bunge
    Journal of Ethnopharmacology, Volume 79, Issue 3, March 2002
    Yao-Lan Li, Shuang-Cheng Ma, Yi-Ting Yang, Shao-Ming Ye, Paul Pui-Hay But

  131. Antiviral activity and mode of action of caffeoylquinic acids from Schefflera heptaphylla (L.) Frodin
    Antiviral Research, Volume 68, Issue 1, October 2005
    Yaolan Li, Paul P.H. But, Vincent E.C. Ooi

  132. Susceptibility of Prevotella intermedia/Prevotella nigrescens (and Porphyromonas gingivalis) to Propolis (Bee Glue) and other Antimicrobial Agents
    Fulgêncio Antônio Santos, Esther Margarida A. Bastos, Paulo Henrique Rodrigues, Milton de Uzeda, Maria Auxiliadora R. de Carvalho, Luiz de Macedo Farias, Elizabeth Spangler Andrade Moreira - Anaerobe, Volume 8, Issue 1, February 2002

  133. Honey Bee Viruses Advances in Virus Research, Volume 70, 2007
    Yan Ping Chen, Reinhold Siede

  134. Oxidative stress and anti-oxidative mobilization in burn injury
    Burns, Volume 34, Issue 1, February 2008,
    Arti Parihar, Mordhwaj S. Parihar, Stephen Milner, Satyanarayan Bhat

  135. In vivo study of propolis supplementation effects on antioxidative status and red blood cells
    Ivona Jasprica, Ana Mornar, Željko Debeljak, Asja Smolčić-Bubalo, Marica Medić-Šarić, Ljiljana Mayer, Željko Romić, Kajo Bućan, Tihomir Balog, Sandra Sobočanec, Višnja Šverko - Journal of Ethnopharmacology, Volume 110, Issue 3, 4 April 2007


  136. The biochemistry and medical significance of the flavonoids
    Pharmacology & Therapeutics, Volume 96, Issues 2-3, November-December 2002 Bent H. Havsteen

  137. Acute Renal Failure Induced by a Brazilian Variety of Propolis
    American Journal of Kidney Diseases, Volume 46, Issue 6, December 2005 Yi-Jung Li, Ja-Liang Lin, Chih-Wei Yang, Chun-Chen Yu

  138. Assessment of the antioxidant activities of Brazilian extracts of propolis alone and in topical pharmaceutical formulations
    Franciane D. Marquele, Valéria M. Di Mambro, Sandra R. Georgetti, Rúbia Casagrande, Yara M.L. Valim, Maria José V. Fonseca - Journal of Pharmaceutical and Biomedical Analysis, Volume 39, Issues 3-4, 15 September 2005

  139. In vitro antimicrobial activity of propolis and synergism between propolis and antimicrobial drugs
    Microbiological Research, Volume 158, Issue 4, 2003, Pages 353-357 - Srdjan Stepanović, Nataša Antić, Ivana Dakić, Milena Švabić-Vlahović

  140. Advances in the analysis of phenolic compounds in products derived from bees - A.M. Gómez-Caravaca, M. Gómez-Romero, D. Arráez-Román, A. Segura-Carretero, A. Fernández-Gutiérrez - Journal of Pharmaceutical and Biomedical Analysis, Volume 41, Issue 4, 16 June 2006,

lunedì 21 dicembre 2009

L'influenza suina, una bufala gigantesca?














Qui sotto riportiamo un articolo tratto dal blog scienzamarcia che è a sua volta una traduzione di un articolo di Michael Grandt


Articolo di
Michael Grandt

Traduzione dell’articolo schweinegrippe-ein-riesiger-schwindel.html pubblicato il 17.12.2009 sul sito info.kopp-verlag.de (si ringrazia Maria per la traduzione)

Il prossimo gennaio il Consiglio d’Europa intende nominare una commissione d’inchiesta per indagare sulle manipolazioni di scienziati e istituzioni statali da parte dell’ industria farmaceutica.
Milioni di persone sane sono state esposte a rischi inutili con vaccini scarsamente testati, riassume la risoluzione della Commissione per la Salute Pubblica approvata all'unanimità.
Persone un po’ attente già lo sospettavano ed io e i miei colleghi lo stiamo denunciando da tempo in numerosi articoli sulle pagine di KOPP on-line e Kopp Exclusiv: gli indizi si accumulano e indicano come l’epidemia di influenza suina sia un inganno perpetuato da parte di scienziati ed industria farmaceutica.

Riunione di emergenza e commissione d’inchiesta

Nel gennaio 2010 il Consiglio d'Europa affronterà la questione di quanto sia grande realmente il peso del settore farmaceutico su ricercatori e agenzie governative nella lotta contro l’influenza aviaria e suina.
Sono previsti un dibattito urgente ed una commissione di inchiesta.
Entrambe le iniziative sono state avviate da parte dell’ex membro del parlamento federale, il medico Wolfgang Wodarg (SPD).
Wodarg è un esperto di salute, internista e medico, specialista in medicina polmonare, igiene e medicina ambientale.
Dal 1994 al 2009 è stato membro della commissione sanitaria del parlamento tedesco.
Wodarg è membro della Commissione sanitaria del Consiglio d’Europa e la presiede.
I media mainstream che hanno informato sull' influenza suina con trasmissioni speciali e innumerevoli articoli restano abbastanza silenziosi al riguardo di questa iniziativa. Soltanto qua e là si nota un qualche piccolo messaggio. Ma questo non mi sorprende.
Lo scandalo medico più grosso del secolo
Wodarg ritiene che il modo di gestire la cosiddetta influenza suina sia "uno dei più grossi scandali medici del secolo".
Scrive nella sua risoluzione approvata all'unanimità: Abbiamo esposti a rischi inutili milioni di persone sane con vaccini scarsamente testati.
Scienziati e autorità amministrative sono stati influenzati da aziende farmaceutiche interessate ai loro profitti che si sono arricchite con il denaro pubblico.
Inoltre il controllo e la documentazione sugli effetti collaterali dei vaccini è insufficiente.

Accettazione di lesioni personali


Per garantire un magnifico guadagno ai produttori di vaccini si è accettato perfino il rischio di lesioni personali, ha affermato Wodarg al “Tagesspiegel”. In realtà l’influenza si è rivelata "sostanzialmente innocente" rispetto a qualsiasi epidemia di influenza degli anni precedenti causando nemmeno un decimo dei soliti morti.

L’OMS sotto l'influenza dell'industria farmaceutica?

Secondo Wodarg il Consiglio d'Europa Wodarg deve occuparsi in primo luogo del ruolo dell’ Organizzazione Mondiale della Sanità delle Nazioni Uniti (WHO) che ha dichiarato a giugno per la pandemia di influenza suina il livello di allerta più alto (approfondimento nel mio articolo La WHO ha modificato in segreto i livelli della pandemia per la influenza suina?)
Non è possibile che la definizione della pandemia sia delegata ad una organizzazione notoriamente sotto l’influenza dei commercianti di farmaci.
Wodarg ha ricevuto il sostegno del ministro svizzero della salute, che aveva espresso anche lui dei dubbi circa il ruolo del OMS.
Non è possibile che la definizione della pandemia sia delegata ad una organizzazione notoriamente sotto l’influenza dei commercianti di farmaci.
Wodarg ha ricevuto il sostegno del ministro svizzero della salute, che aveva espresso anche lui dei dubbi circa il ruolo dell'OMS.

Dr. Wolfgang Wodarg

Membro del Bundestag (parlamento federale tedesco) dal 1994.
Partecipazioni alle commissioni del Bundestag

* Commissione sanitaria
* Commissione per la cooperazione economica e lo sviluppo
* Commissione per gli affari dell'Unione europea

Vice presidente

* Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa
* Riunione per la sicurezza europea e Difesa / Assemblea dell'Unione dell'Europa occidentale
---------------------------------------------------------------------------------
Link: http://scienzamarcia.blogspot.com/2009/12/linfluenza-suina-una-bufala-gigantesca.html

venerdì 11 dicembre 2009

La bufala dell'emergenza

Sotto vi presentiamo un articolo tratto da: http://bamboccioni-alla-riscossa.org/?p=4928

Presi per il virus

Morta una emergenza (o uno scandaletto), se ne fa subito un’altra. E così – dopo il dramma sicurezza; i papi e e le pupe; i trans e i marrazzi - giornali e tiggì hanno spedito in soffitta anche un altro cult del 2009: l’influenza suina. Ora è tempo di riscaldamento globale e di giustizia giusta (soprattutto per chi ha casa, anzi villone, ad Arcore). Domani, si vedrà.

Relegare così presto in soffitta il cosiddetto “virus dei porci”, però, è un vero peccato. Anche perchè, fin qui, la nuova supposta “spagnola” che avrebbe dovuto decimare il mondo aveva regalato paginate, articolesse e trasmissioni tivù davvero memorabili. Si erano scaldati i motori durante l’estate con robine sobrie, tipo “Allarme Oms: Influenza suina inarrestabile” (Il Giornale, 14 luglio 2009). O con tocchi esotici, stile “Influenza suina, i rimedi dei Dalai Lama” (Repubblica, 4 agosto 2009). Per poi scatenare un vero e proprio crescendo, con l’arrivo dei primi freddi: “Virus, Italia record in Europa: già ducentomila contagiati” (La Repubblica, 30 ottobre 2009); “Tra le mamme ora è psicosi” (La Repubblica, 3 novembre 2009); “Colpo di tosse, tutti fuggono” (Corriere della Sera, 4 novembre 2009); “Il virus fa 24 vittime, 6 in poche ore” (Repubblica, 5 novembre 2009); “Aule dimezzate, è fuga dalle scuole” (Repubblica, 5 novembre 2009). Fino al piccolo capolavoro di humor nero: “Allarme influenza, funerali senza baci” (La Repubblica, 29 novembre 2009).

Per la serie: più che l’affetto, potè la fifa.

E poi? E poi: il contagio ha raggiunto il picco e lo ha superato; la ressa di pazienti terrorizzati che affollava gli ospedali è calata; e la strage annunciata non c’è stata. Nè in Italia, nè altrove. E così giornali e tiggì hanno cambiato argomento. Per la gioia di lettori e telespettatori. Che hanno smesso di sorbirsi la loro dose quotidiana di memento mori a base di virus e bacilli di stagione.

Peccato, si diceva. Anche perchè – dopo le parole e la paura – sarebbe il momento dei bilanci e dei numeri. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità – quella degli allarmi estivi – ogni anno muoiono di influenza circa mezzo milione di persone. E sempre secondo l’Oms – che ha messo tutto nero su bianco in un report pubblicato da Bloomberg – l’influenza suina, al 22 novembre 2009, avrebbe ucciso solo 7.820 persone. Una mortalità più bassa di circa 70 volte. Risultato: secondo un rapporto pubblicato dalla rivista scientifica PlosMedicine, questa potrebbe essere la “più leggera pandemia della Storia”.

Ma dai? Massì.

E ci sarebbe quasi da gioire per lo scampato pericolo. Quasi, però. Perchè nel frattempo le grandi case farmaceutichesecondo le stime della banca d’affari, JpMorgan - avrebbero guadagnato – dalla pandemia “più leggera della Storia – circa 10 miliardi di dolllari (ovvero 7 miliardi di euro). E solo l’Italia – grazie ad allarmi e panico – avrebbe sganciato senza fiatare, secondo alcuni indiscrezioni pubblicate dal Corriere della Sera, circa 200 milioni di euro per un fiume di vaccini.

Soldi – per altro – arrivati come una manna dal cielo e proprio al momento giusto. Il momento giusto chiaramente non per cittadini e contribuenti. Ma per le case farmaceutiche.

Perchè? Per via della crisi economica. Che – non fosse stato per l’influenza provvidenziale – avrebbe scavato buchi anche nei bilanci dei produttori di pastiglie e affini. O per lo meno così parrebbe, a giudicare da un’intervista rilasciata – a settembre, al “Sole 24 ore” – da David Brennan, amministratore delegato del gruppo farmaceutico anglo-svedese, AstraZeneca (31,6 miliardi di dollari di fatturato nel 2008); e presidente di turno di PhRma, l’associazione che raccoglie le 30 principali case farmaceutiche al mondo. Un’intervista così sfacciata che – se non c’era – nessuno sarebbe mai stato in grado di inventarla:

Domanda (del giornalista del “Sole”): Lo scoppio dell’influenza “A” sembra arrivato al momento giusto: le società farmaceutiche sono alle prese con la riduzione della spesa sanitaria da parte dei governi… Risposta (dell’ad di AstraZeneca): “Non c’è dubbio. (…) I governi aumentano gli stoccaggi di medicine e l’impatto positivo sui conti è rilevante. Con il governo americano abbiamo un contratto di fornitura da 12 milioni di dosi (di vaccino, NdA) dal valore complessivo di 120-140milioni di dollari. Obama acquisterà tutta la fornitura che oggi abbiamo a disposizione, e posto che i produttori di forniscano dispositivi inalatori (la AstraZeneca sta lavorando su un vaccino spray, NdA), potremo raggiungere un giro di affari globale da 500 milioni“.

Milioni, anzi miliardi che – col senno di poi – si poteva anche evitare di spendere. Come forse si potevano evitare gli allarmi lanciati dall’Organizzazione mondiale della Sanità, che – curiosamente – ha sede a Ginevra, in Svizzera. Dove hanno sede anche due delle principali case farmacuetiche al mondo: Roche e Novartis (nata dalla fusione di Ciba-Geigy e Sandoz). Proprio quella Novartis che – sempre per una coincidenza divina – è l’azienda che ha preso i milioni per riempire di vaccini proprio noi italiani.

E ancora. Si potevano evitare le paginate e le articolesse in stile fine del mondo dei giornali italiani. Che – sempre per un caso del destino cinico e baro – hanno le case farmaceutiche nostrane e non tra i loro inserzionisti. E che hanno deciso di non andare ascolto ai medici italiani che hanno sempre detto che si trattava di una normale influenza. E si potevano – per finire – evitare anche certe campagne terroristiche sui “vaccini-che-uccidono” lanciate da certi cospirazionisti alle vongole. Che invece di fare controinformazione, cercano di fare concorrenza ai grandi media con le stesse armi dei grandi media: sensazionalismo e falsi allarmi.

Si poteva, ma non ci si è riusciti. E prima di metter via cuffie, sciarpe e termometri – e passare al prossimo allarme, emergenza o scandalo – sarebbe bene riflettere sul perchè quando certi pifferai suonano, i topi li seguono. Sempre. Perchè a riempire i pronto soccorso e a intasare gli ospedali per un mal di gola sospetto, non erano certo i giornalisti allarmisti, i cospirazionisti alle vongole o i super esperti dell’Oms. Vero cari concittadini carciofoni?

lunedì 7 dicembre 2009

Shock vaccino antisuina: aborti post vaccinazione - del dott. Mercola

trad. Cristina Bassi


Eccomi a sintetizzare e tradurre un nuovo articolo del 28.11.09 commentato dal dr Mercola su un altro dramma che pare emergere dalla pratica dei vaccini antisuina. Non ultimo ... è di ieri la notizia dell'ANSA - Subito scomparsa dalla sua homepage - in cui si parla di Mutazione del virus in Francia ... Dunque non distogliamo L'attenzione dal problema ...

Ma torniamo al tema di questo articolo:

"Le Autorità Sanitarie Statunitensi, hanno fatto delle donne incinta uno dei gruppi maggiormente prioritari, a cui somministrare il vaccino H1N1 dell'influenza suina, ma è veramente sicuro per le donne incinta e i loro bambini?

In verità, il foglietto illustrativo dei vaccini antisuina dice che non è stata stabilita la sicurezza di questi vaccini per le donne incinta. E da tutta la nazione stanno piovendo notizie di aborti da parte di donne incinte che hanno preso il vaccino antisuina N1H1.


Questi links: Organica della sanità 11 novembre 2009 E About.com contengono storie che fanno orrore e rabbia. Se sei una madre incinta NON prendere il vaccino influenzale H1N1 Suina, Invece fai il possibile per evitare posti affollati e lavati le mani più del solito e fai riferimento alle molte vie naturali per combattere l'influenza.


I commenti del dr Mercola :

I collegamenti citati riportano storie che addolorano: Donne che raccontano di aver avuto un aborto pochi giorni dopo la vaccinazione. Naturalmente secondo alcuni l'aborto "spontaneo" accade come qualcosa che non ha nulla a che vedere con il vaccino. Tuttavia considerare questo evento come semplice "Coincidenza" è un errore grave.

Forse Alcune delle donne dei blogs avrebbero comunque avuto un aborto spontaneo, ma quando un certo numero di donne ha delle gravidanze sane, senza fenomeni anomali fino a che riceve l'iniezione del vaccino, dopodichè ha un aborto, allora vale certo indagare!
La verità è che conosciamo veramente poco sulla sicurezza ed efficacia della medicina e della maggior parte dei vaccini che sono sul mercato.
Nessuno dei vaccini influenzali H1N1 è Stato testato su donne incinta.
Se volete essere una cavia .. allora fatelo. Ma vi esorto a non farlo. Semplicemente non è vostra responsabilità sottostare a questo tipo di test crudele. Sappiate questo: I produttori di vaccini ed i medici che somministrano le iniezioni sono legalmente protetti, se qualcosa dovesse andare storto. Non potete citarli per danni.
Se leggete i foglietti illustrativi, scoprirete che NESSUNO DI QUESTI vaccini è stato mai testato per sicurezza ed efficacia in donne incinta e madri in allattamento e nessuno di loro è raccomandato per donne incinta se non "esplicitamente necessario"
Dovete anche sapere che non sono stati fatti studi sulla riproduzione, per determinare come QUESTI vaccini influenzali (sia quello stagionale che l'H1N1 ) si ripercuotano sulla fertilità futura e se interferiscano o meno con lo sviluppo del feto.
Quindi, veramente ... siete poco più che un soggetto per il test; una statistica che PUÒ o meno essere contata, in funzione del fatto che i vostri effetti collaterali siano riportati in modo adeguato e se su di ESSI viene fatta una investigazione, nel caso dovesse andare qualcosa di storto.
Negli USA, 4 vaccini H1N1 Hanno avuto l'approvazione della FDA (Food and Drug Admnistration) e potete leggere i foglietti illustrativi ai seguenti links:
[Dai dati tecnici Che emergono dalle indicazioni dei fogliettini illustrativi, Che il dr Mercola deduce]
Il vaccino non funziona in 3 casi su 4.

Il 25 Percento di possibilità di avere un qualche beneficio vale Il rischio soprattutto se siete incinta? Molti medici dicono che il beneficio vale Il rischio e spingono le donne incinta a farsi vaccinare con uno o entrambi i vaccini. Affermano che il potenziale rischio insito nel contrarre l'influenza mentre si è incinta, sia molto più significativo che ogni potenziale danno derivante dal vaccino.
Ma è veramente vero?
Uno studio pubblicato nel numero estivo del 2006 del Journal of American Physicians and Surgeons, Intitolato L'influenza di vaccinazione in gravidanza: A Critical Assessment delle raccomandazioni del comitato consultivo in materia di Immunizzazione (ACIP) (vaccinazione influenzale Durante la gravidanza: Una valutazione critica delle raccomandazioni dell'Assemblea consultiva Sulle pratiche di immunizzazione), conclude che si dovrebbe ritirare la raccomandazione del vaccino influenzale a donne incinte, in quanto:
a) l'influenza è raramente una complicazione per una donna incinta
b) non sono stati fatti studi sulla sicurezza

Un altro fatto interessante evidenziato in questo studio sono, ironicamente, alcune tra le raccomandazioni per vaccinare donne incinte, che indicano che esso può causare più danno che beneficio!
Paradossalmente gli autori hanno trovato che le ospedalizzazioni correlate a malattie simili all'influenza, nelle donne vaccinate sono 4 volte tanto (il 2,8% contro lo 0,7%)
Queste osservazioni non solo mettono in discussione l'efficacia del vaccino, ma sollevano anche la preoccupazione che la vaccinazione in realtà porti un rischio aggiuntivo di malattia influenzale
Infine lo studio mette in discussione il fondamento logico di usare lo studio relativo al vaccino della poliomielite - rifiutato Dall'Institute di Medicina e Chirurgia, perchè un progetto di studio fragile, a sostegno alla decisione che le vaccinazioni influenzali siano sicure per donne incinta. Gli autori hanno chiamato questa decisione "peculiare".
Spero che queste informazioni vi aiutino a soppesare sia i rischi che i benefici per decidere in modo più preparato e con più conoscenza , sia per voi che per la vostra famiglia. Nessuno può o dovrebbe decidere questa cosa per voi.
Vi esorto a continuare ad informarvi ed apprendere notizie sui vaccini, Prima che si concretizzi un'altra generazione persa a causa dell' arroganza ed Avidità mediche.
-------------------------------------------------- -------
Link:

Suina o Bufala?

Questo è il problema ...